Wedding

Piero Camussone: eccelenza Italiana!

PIERO CAMUSSONE: UNA PERFETTA ARMONIA TRA LOCATION E ALLESTIMENTO,

ATMOSFERE SUGGESTIVE E FOOD DI ECCELLENZA

PER LE NOZZE IDEALI

Piero Camussone: eccellenza Italiana! Oggi sul blog ospito il volto televisivo di meteo.it  Anna Maria Girelli Consolaro con un’intervista inedita a Piero Camussone.

Come organizzare il matrimonio perfetto? Alzi la mano chi, tra i futuri sposi, non se lo è chiesto almeno una volta.  Le componenti, e dunque le variabili, sono talmente numerose che oggi, forse, un “semplice” wedding planner non basta più. Occorre salire quel gradino in più, e trovare chi, sulla base di una solida esperienza, ti sa portare eleganza, qualità e innovazione. Piero Camussone ne è l’emblema. Mente creativa di Visconti Banqueting, Camussone è tra i principali espositori alla fiera “Gli Sposi e la Casa” (Pavia, Palazzo delle Esposizioni, 21 e 22 ottobre, ingresso gratuito). 

Piero Camussone

Come organizzare il matrimonio perfetto?

A lui abbiamo posto la fatidica domanda: come organizzare un matrimonio perfetto? Quali sono gli elementi più importanti su cui focalizzare l’attenzione? “Nelle “nozze ideali” le persone vivono una perfetta sintonia tra location e allestimento– afferma -. Nel mondo del matrimonio, oggi, il focus si è spostato dalla tavola alla festa. Da evento in cui scelgo pietanze e menù, il matrimonio è diventato l’evento in cui scelgo le atmosfere e il modo di presentare il menù stesso. Gli sposi, oggi, si concentrano maggiormente sul mood, sul tono dell’evento”. Camussone, di matrimoni, ne ha visti tanti.

Con oltre quindici anni di esperienza nel settore, Piero Camussone si è specializzato nell’organizzazione di eventi e catering di qualità. Massima espressione della sua professionalità e della sua arte resta comunque l’organizzazione del matrimonio, al quale apporta da sempre la più alta progettualità scenografica e la miglior qualità.  “Carta vincente del matrimonio perfetto – spiega – è una scenografia avvolgente, all’interno della quale regalare atmosfere suggestive e uniche, insieme a un food di eccellenza.

I consigli di un esperto per il matrimonio perfetto!

L’interazione con il cliente, in questa ottica, diventa centrale: noi utilizziamo spesso una cucina a vista, con rapporto diretto tra lo chef e gli invitati al ricevimento. Si punta, insomma, ad una regia dell’evento che premi più la parte di festa e di condivisione, rispetto a quella più statica della seduta durante il banchetto. In alcuni casi, addirittura, non esistono più le pietanze servite, ma soltanto i banchi di preparazione in cui tutti gli invitati si servono in autonomia. I dolci vengono preparati a vista, le torte vengono costruite durante l’evento”. E che dire delle materie prime? “Possono essere assolutamente semplici, ma di altissima qualità. Grandi prosciutti, formaggi, pesce fresco cucinato a vista, lavorazioni di pasta fresca fatta davanti al cliente, piccoli grill”. Per arrivare, quindi, alla torta.

“Oggi la gente chiede di avere torte scenografiche, verticali. Non necessariamente wedding cake, ma torte naturali, come la crostata e il pan di spagna. Vedo benissimo anche una torta nuda di chantilly senza alcun rivestimento. O, ancora, crostate inserite in un trionfo di verde e di rose, oppure tanti bocconcini di crostatine inserite tra fiori e candele. La torta non è più soltanto un prodotto di pasticceria, ma diventa un concetto di scenografia più allargata, in cui la torta stessa è uno degli ingredienti, ma non necessariamente l’unico”.

Consigli preziosi, che permettono di dare vita ad un evento in cui, a parlare, sono l’allestimento stesso, la scenografia, la musica, il cibo e le luci. Visconti Banqueting, che si staglia a livello nazionale come realtà leader nel settore del catering, è rinomata proprio per la capacità di creare eventi e matrimoni di grande impatto scenografico. “La scelta della location deve essere molto curata. Io prediligo l’utilizzo del verde in tutte le sue declinazioni. E poi grande attenzione al disegno: boiserie di legno bianco, tendalini con veli, divani, piante, erbe officinali, fiori bianchi”. Atmosfere romantiche e provenzali, per un matrimonio di raffinata eleganza. “Il nostro evento non è soltanto il “passaggio di un cliente”, ma una cerimonia memorabile”.

Gli Sposi e la Casa 2017!

A Pavia, in occasione della fiera “Gli Sposi e la Casa”, tutto questo prenderà forma concreta. I futuri sposi vivranno uno, due giorni che li proietterà direttamente nel loro matrimonio. Già. Non dentro un matrimonio, ma dentro il loro matrimonio. Come sarà possibile? “I visitatori della fiera vivranno direttamente, in anteprima, l’esperienza delle loro nozze. Arriveranno al nostro stand, e noi li accoglieremo con musica, luci, atmosfere, scenografie, sapori unici. La scenografia diventerà parte integrante del tutto. Ci sarà una grande presenza di cuochi in sala, la sala stessa si fonderà con il giardino. Avremo sedute confortevoli, e un impeccabile servizio alla persona.

E poi una postazione drink dove un barman, con ingredienti inconsueti, preparerà cocktail originali e sorprendenti: il nostro punto di forza sarà proprio la buvette, questo banco-bar nuziale molto particolare, molto esclusivo, dietro al quale spiccherà una spalliera. E questa spalliera sarà costituita da un bottigliere in grado di ospitare bicchieri, bottiglie e scenografia”. L’evento nell’evento, insomma. La materializzazione del sogno di matrimonio che ciascuno porta dentro di sé.

Intervista di Anna Maria Girelli Consolaro 

Potrebbe interessarti

Nessun Commento

Lascia una Risposta